Come sterilizzare il biberon – 4 Metodi

Quando alimenti il tuo piccolo nei primi mesi di vita con il latte artificiale, devi gestire il momento della pappa con accessori sicuri e soprattutto sterilizzati. Sì, perché il bambino che non viene allattato al seno non sviluppa subito tutti gli anticorpi. Scopri come sterilizzare il biberon con questa semplice guida che ti dirà tutto quello che c’è da sapere sulla sterilizzazione del biberon e sui metodi di sterilizzazione.

Perché è importante sterilizzare il biberon?

sterilizzazione-del-biberon

È importante sterilizzare tutte le attrezzature per l’alimentazione del bebè, inclusi biberon e tettarelle, fino a quando il piccolo non ha almeno 12 mesi. Così facendo lo proteggerai dalle infezioni, in particolare dalla diarrea e dal vomito.

Dal momento in cui nascono, i bebè sono esposti a microbi e batteri che minacciano la loro incolumità. Questo è particolarmente vero quando si tratta di ciò che mettono in bocca. Ecco perché è così importante sterilizzare i biberon per la salute del bambino.

Per anni questa è stata una delle discussioni più controverse. Molte persone credono che sia necessario mantenere tutto pulito e igienizzato, mentre altre pensano che il piccolo abbia bisogno di costruire l’immunità.

La verità è che nei neonati il sistema immunitario non è ancora sviluppato. Ad esempio, rispetto a un adulto, un bambino di 12 mesi presenta solo il 15-17% di immunoglobulina IgA, che è importante per combattere i batteri che causano i problemi gastrointestinali.

Si potrebbe pensare che la sterilizzazione sia inutile una volta che il bambino inizia a mettersi tutto in bocca, ma non è così. Il latte rappresenta un ambiente favorevole per lo sviluppo di alcuni dei patogeni più nocivi, quindi i biberon non sterilizzati possono far ammalare il tuo bambino.

Si noti che pulizia, disinfezione e sterilizzazione sono processi diversi. La pulizia rimuove le particelle estranee come i residui di latte e di sporco. La disinfezione distrugge i microrganismi patogeni (che causano le malattie) e rimuove la maggior parte degli organismi dalla superficie di un oggetto. Solo la sterilizzazione elimina tutte le forme di vita, inclusi gli “agenti trasmissibili” come le spore.

Quando sterilizzare i biberon?

I biberon devono essere sterilizzati ogni volta che vengono utilizzati, immediatamente prima di essere riempiti con latte artificiale, latte materno o qualsiasi altro liquido. È tuttavia possibile sterilizzarli un con un po’ di anticipo se necessario; la durata esatta dipende dal metodo utilizzato.
I pediatri consigliano di sterilizzare tutte le attrezzature per l’alimentazione del bambino fino a quando questo ha almeno 12 mesi.

Tieni presente però che la sterilizzazione in sé non è in grado di rimuovere eventuali residui di latte e di pappa, specie se dopo la poppata non hai sciacquato subito il contenitore. Prima di sanificare il biberon è quindi necessario provvedere a un accurato lavaggio di tutti gli accessori che il bambino mette in bocca.

In particolare, si raccomanda di lavare biberon, tettarelle e altre attrezzature per l’alimentazione in acqua calda e sapone il prima possibile dopo la poppata. Utilizzare una spazzola pulita, adibita esclusivamente per questo scopo.

Dovresti munirti anche di una piccola spazzola per tettarelle per pulire l’interno delle tettarelle. Puoi anche capovolgere le tettarelle e poi lavarle con acqua calda e sapone. Non usare il sale per pulire i succhiotti, poiché può essere pericoloso per il tuo bambino. Risciacqua tutta l’attrezzatura in acqua corrente pulita e fredda prima di sterilizzarla.

Cosa si deve sterilizzare?

Il consiglio di cui sopra si applica a tutte le attrezzature per l’alimentazione del tuo bambino e se stai usando latte materno estratto o latte artificiale. Ciò include i biberon di vetro e i loro componenti (come i collari), le tettarelle, i coperchi, le guarnizioni e tutti i contenitori da viaggio (quando li utilizzerai).

Se si estrae il latte materno, è necessario sterilizzare anche i componenti del tiralatte (seguire le indicazioni del produttore su quali componenti devono essere sterilizzati e per consigli su come eseguire il processo). Puoi anche sterilizzare i ciucci.

Quali metodi per sterilizzare?

metodi-per-sterilizzare-biberon

Se ti stai chiedendo come sterilizzare biberon e tettarelle nel modo migliore, è bene sapere che ci sono fondamentalmente quattro metodi. Puoi trattarli con un disinfettante che è anche in grado di sterilizzarli oppure puoi riscaldarli. Ecco le indicazioni di come procedere.

1. Acqua bollente

L’ebollizione è il metodo più semplice per sterilizzare con il calore. Per sterilizzare biberon e tettarelle con acqua bollente, segui questi passaggi:

  • Controlla che biberon, tettarelle e qualsiasi altra cosa che desideri sterilizzare possano essere bolliti in sicurezza.
  • Metti tutti gli oggetti che ti servono per sterilizzare in una pentola capiente.
  • Riempi la pentola con acqua finché tutti gli oggetti non sono completamente immersi. Devi anche assicurarti che non ci siano bolle d’aria all’interno dei biberon o delle tettarelle.
  • Porta l’acqua a ebollizione.
  • Fai bollire l’acqua per 10 minuti.
  • Lascia gli oggetti nella pentola finché non sei pronto per riempirli. Li puoi anche riporre in un contenitore sterilizzato in frigorifero. Quando rimuovi biberon e tettarelle, assicurati che l’acqua si sia raffreddata abbastanza da non scottarti.
  • Ripeti questo processo se non usi biberon e tettarelle entro 24 ore dall’ebollizione

Vantaggi

È il metodo di sterilizzazione più economico e non è necessaria alcuna attrezzatura specializzata per utilizzare questo metodo di sterilizzazione.

Svantaggi

Le tettarelle e tutte le parti in gomma tendono a deteriorarsi più velocemente con questo metodo di sterilizzazione. C’è anche il rischio di ustionarsi con l’acqua bollente.

2. Prodotti chimici per la sterilizzazione a freddo

Chicco Disinfettante per Biberon, Succhietti e...

Questi prodotti agiscono disinfettando l’attrezzatura per il biberon. Sono disponibili una vasta gamma di prodotti chimici sterilizzanti. Alcuni sono liquidi pronti, altri sono polveri solubili e altri ancora sono proposti sotto forma di compresse effervescenti. L’agente attivo varia ma molti prodotti si affidano all’ipoclorito di sodio diluito come l’Amuchina o al dicloroisocianurato di sodio in compresse.

 Per essere certi che questi prodotti chimici possano disinfettare e sterilizzare biberon e tettarelle, è necessario seguire alla lettera le istruzioni riportate sulla confezione. La sterilizzazione viene generalmente effettuata in questo modo:

  • Prepara la soluzione di sterilizzazione secondo le istruzioni del produttore (se non stai utilizzando un prodotto già pronto) in un contenitore dedicato.
  • Metti gli oggetti che desideri sterilizzare nel contenitore che hai scelto, assicurandoti che siano coperti dalla soluzione di sterilizzazione e che non ci siano bolle intrappolate da nessuna parte all’interno dei biberon e delle tettarelle.
  • Lascia i biberon e le tettarelle nella soluzione per il tempo consigliato dal produttore (di solito circa 30 minuti, ma assicurati di controllare le istruzioni sulla confezione). Qualunque sia il contenitore che scegli di utilizzare per questo processo, assicurati di avere uno stantuffo o un coperchio galleggiante che puoi usare per mantenere i biberon e le tettarelle completamente immersi sotto il liquido per tutto il tempo.
  • Lascia gli oggetti sterilizzati nella soluzione finché non sarà necessario utilizzarli. In ogni caso si consiglia di rimuoverli entro le 24 ore, trascorso questo tempo, è necessario sostituire la soluzione di sterilizzazione.
  • Dovresti lavare il contenitore che usi per sterilizzare le tue bottiglie con acqua calda e sapone prima di riempirlo con ogni lotto di soluzione di sterilizzazione fresca. Non conservare il liquido di sterilizzazione a freddo in un contenitore di metallo, altrimenti i prodotti chimici consumeranno lentamente questo materiale.

Vantaggi

Questo metodo di sterilizzazione può essere utilizzato quando sei in giro e non hai accesso alle apparecchiature necessarie per altri metodi di sterilizzazione. In genere questo sistema non causa il deterioramento più rapido dei biberon e delle tettarelle, a condizione che vengano lasciati nella soluzione di sterilizzazione solo per il tempo minimo richiesto per completare l’operazione con successo.

Svantaggi

Non tutti i biberon sono compatibili con le sostanze chimiche contenute in questi prodotti e inoltre il tuo bambino potrebbe essere sensibile a uno o più componenti. Ne caso non venga utilizzata un prodotto già pronto, può essere difficile dosare correttamente le varie sostanze per ottenere una concentrazione corretta. Inoltre, lasciare i biberon e le tettarelle in prodotti chimici per la sterilizzazione a freddo per lunghi periodi di tempo può farli degradare più rapidamente rispetto ad altri metodi di sterilizzazione.

3. Microonde

Il metodo per sterilizzare con il microonde utilizza il vapore caldo. Per ottenere i migliori risultati si consiglia di acquistare un’unità di sterilizzazione appositamente progettata per l’impiego nel microonde. Qui di seguito trovi i principali passi da seguire:

  • Prima di utilizzare questi sterilizzatori biberon, è importante leggere con attenzione le istruzioni fornite dal produttore.
  • Presta particolare attenzione all’impostazione di potenza corretta del microonde. Se non lo fai, potresti letteralmente “sciogliere” i biberon e le tettarelle.
  • Assicurati di posizionare tutti gli accessori con le aperture rivolte verso il basso nello sterilizzatore.
  • Se non utilizzi immediatamente gli articoli sterilizzati, puoi conservarli nell’unità a condizione di lasciarla sigillato. Consulta comunque le istruzioni del produttore per determinare per quanto tempo puoi farlo.
  • Non mettere mai l’attrezzatura per l’alimentazione del bambino direttamente nel microonde per sterilizzarla: non solo non sterilizzerà efficacemente biberon e tettarelle, ma probabilmente li danneggerà anche. Fai anche attenzione a non inserire oggetti metallici all’interno di uno sterilizzatore per microonde.

Vantaggi

Questo metodo consente di effettuare la sterilizzazione in modo facile e veloce. Inoltre, non degrada l’attrezzatura di alimentazione del bebè così rapidamente come l’ebollizione. E, non meno importante, gli sterilizzatori per microonde sono in genere abbastanza economici.

Svantaggi

Le attrezzature per l’alimentazione del bambino che hanno parti di metallo fisse non possono essere riscaldate al microonde. È necessario fare attenzione a non scottarsi quando si utilizza questo metodo. Gli sterilizzatori a microonde possono essere ingombranti.

4. Sterilizzatore elettrico

Chicco SterilNatural Sterilizzatore Biberon 2in1,...

Gli sterilizzatori elettrici semplificano la sterilizzazione di biberon e tettarelle poiché automatizzano la maggior parte del processo. Come la sterilizzazione a microonde, usano il vapore per uccidere i microrganismi ma lo producono mediante una resistenza. Il suo utilizzo è veramente semplice:

  • Inserisci i biberon del neonato e le tettarelle puliti nell’unità e quindi aggiungi acqua pulita in base alle istruzioni del produttore.
  • Accendi l’unità, che inizierà ad effettuare la corretta sterilizzazione in completa autonomia.
  • A sterilizzazione ultimata, l’apparecchio si spegne generalmente da solo.
  • Controlla le istruzioni del produttore per scoprire per quanto tempo gli articoli sterilizzati possono essere lasciati nell’unità non aperta prima di dover essere sterilizzati nuovamente.

Vantaggi

Si tratta di un metodo di sterilizzazione molto semplice e può essere più efficace dell’ebollizione o della sterilizzazione a microonde perché c’è un minor rischio di commettere errori. Non fa degradare biberon e tettarelle tanto rapidamente quanto l’ebollizione.

Svantaggi

Gli sterilizzatori elettrici possono essere costosi e anche piuttosto ingombranti.

Quali attenzioni prestare nella sterilizzazione di biberon e accessori?

Quando ti alzi dal letto alle 3 del mattino per dar da mangiare al tuo piccolo, l’ultima cosa di cui ti devi preoccupare è se il biberon è pulito. Se hai bisogno di nutrire il bambino nel cuore della notte, tra le lacrime a dirotto e gli strilli, non puoi aprire l’armadietto e scoprire che – orrore degli orrori – non ci sono più biberon puliti. Come suggeriscono i genitori esperti, è sempre caldamente consigliato di avere sempre una scorta di biberon puliti a portata di mano.

Probabilmente ti starai chiedendo, se è necessario sterilizzare i biberon dopo ogni utilizzo. La risposta è generalmente no. La sterilizzazione dei biberon era una preoccupazione maggiore un tempo, ma oggi la qualità dell’acqua del rubinetto è migliorata e una semplice pulizia con acqua e sapone ti garantisce un buon livello di igiene tra una sterilizzazione e l’altra.

Inoltre, i genitori non si affidano solo al latte artificiale in polvere, ma utilizzano diverse opzioni per l’alimentazione del bambino o come dare il biberon per pappe più elaborate. Per questi motivi, non è necessario sterilizzare le bottiglie ogni giorno.

Detto questo, alcuni bambini potrebbero essere maggiormente a rischio e i biberon sono ancora una potenziale fonte di contaminazione. È importante assicurarsi di fare tutto il possibile per mantenere puliti tutti i biberon che utilizzi usualmente. Ecco alcune regole da seguire.

  • Lavati le mani

Anche se si tratta di una cosa scontata, si raccomanda di lavarsi sempre le mani prima di dare da mangiare al bambino o di preparare un biberon. E non dimenticare di lavartele con la massima cura dopo il cambio del pannolino.

  • Tieni pulite le tettarelle

Le tettarelle dei biberon sono una delle principali fonti di contaminazione da germi. Ispezionale regolarmente per verificare che non ci siano rotture o lacerazioni. Se sono danneggiate, eliminale.

Per pulire le tettarelle del biberon, strofinale con acqua calda e sapone, quindi risciacqua. Puoi anche far bollire le tettarelle per 5 minuti in acqua per sterilizzarle. Però la semplice acqua calda e il sapone dovrebbero essere sufficienti per pulirle efficacemente.

  • Mantieni una corretta igiene

Abbi sempre cura di pulire la parte superiore del contenitore del latte: pensa a quante mani l’hanno toccata! Pulisci regolarmente anche lo spazio in cui ripone le bottiglie, senza dimenticare i cucchiai e i contenitori in cui riponi le provviste per il tuo piccolo.

  • Trasporta il latte in sicurezza

Conservare e trasportare in sicurezza il latte artificiale e il latte materno è forse la cosa più importante da fare per ridurre il rischio che il tuo bambino beva da un biberon sporco.

Assicurati che tutto il latte artificiale e il latte materno siano adeguatamente conservati, trasportati in un frigorifero e smaltiti in modo sicuro. Non riutilizzate la formula e non ricongelare il latte.

Conclusioni

I neonati non hanno ancora un sistema immunitario sviluppato e sono quindi vulnerabili alle infezioni da virus, batteri, parassiti e funghi, che possono portare a malattie. I germi possono svilupparsi rapidamente se il latte viene versato in un biberon che non è stato pulito con cura.

Lavare accuratamente ogni oggetto con acqua calda e sapone è in genere sufficiente per rimuovere la maggior parte dei germi nocivi dai biberon. La sterilizzazione è un passaggio aggiuntivo che uccide ogni genere di germi rispetto alla classica pulizia.

Sul mercato sono disponibili diversi tipi di sterilizzatori, inclusi gli sterilizzatori compatibili con il microonde. La chiave è seguire le istruzioni fornite dal produttore. Assicurati che bottiglie, tettarelle e tappi siano accuratamente puliti prima di iniziare il processo di sterilizzazione.


Domande frequenti

👶🏻 Quando posso smettere di sterilizzare i biberon del mio bambino?

È importante sterilizzare tutte le attrezzature per l’alimentazione del tuo bambino, compresi biberon e tettarelle, fino a quando non ha almeno 12 mesi. Questo lo proteggerà dalle infezioni, in particolare dalla diarrea e dal vomito.

👶🏻 Come si asciugano i biberon dopo la sterilizzazione?

Il metodo più sicuro è l’asciugatura a goccia con l’aiuto di uno stendino a rastrelliera. Tuttavia, il tempo necessario a completare questa operazione può consentire ai batteri di proliferare nel biberon. Inoltre, dovrai anche assicurarti che lo stesso stendino venga sterilizzato di tanto in tanto.

👶🏻 Cosa succede se non sterilizzo i biberon?

Anche se hai già abbastanza da fare nella tua routine quotidiana per accudire al tuo piccolo, la sterilizzazione dell’attrezzatura per l’alimentazione del bambino è uno di quei lavoretti da cui non si scappa. Dimenticarsi di pulire e sterilizzare correttamente questo materiale può causare mal di pancia, diarrea e dei genitori infelici.